mNozzle: Mjolnir hotend 00 Full metal hotend

Assieme al mio amico Lorenzo stiamo progettando in questo periodo nuove cose per applicazioni particolari.

Tra le cose che abbiamo fatto realizzare c’è questo hotend full metal, che al momento chiamerò mNozzle.

Ci siamo ispirati al j-head naturalmente, ma il progetto (che al momento penso si fermerà salvo eventi particolari) ha bisogno di molte modifiche.

Componenti del mNozzle. I due ugelli sono da 0.2mm e 0.1mm

Componenti del mNozzle. I due ugelli sono da 0.2mm e 0.1mm

Abbiamo provato a farci realizzare un hotend full metal, in acciaio, in modo da poter usare gli ugelli in foto, che sono rispettivamente da 0.1mm e 0.2mm.
Forse molti penseranno… ma che diavolo gli servono ugelli così piccoli?!?
Eh… per applicazioni molto precise e piccole…

Ieri sera ci hanno dato il primo campione e l’ho subito montato e provato

Un po' di teflon

Un po’ di teflon

Ugello montato

Ugello montato

Ugelli a confronto

Ugelli a confronto

Ugelli a confronto

Ugelli a confronto

Prima prova: sistema di raffreddamento del budda nozzle

Prima prova: sistema di raffreddamento del budda nozzle


Il montaggio in se non è complesso, anzi molto semplice e rapido.
Il primo problema che ho notato con questo sistema di raffreddamento è stato che le ventole non erano sufficienti a raffreddare il blocco hotend. Ho dovuto staccare in fretta il tutto altrimenti avrei fuso il blocco estrusore.
Seconda cosa: con una propagazione così rapida del calore verso l’alto il PLA mi si dilatava troppo rapidamente e si bloccava subito.
Infatti appena smontato ho dovuto stasare l’hotend.

Sistema di raffreddamento che utilizzavo inizialmente sul mio primo hotend, un j-head compatibile

Sistema di raffreddamento che utilizzavo inizialmente sul mio primo hotend, un j-head compatibile

Nella seconda prova di estrusione che ho fatto ho riutilizzato il blocco di raffreddamento hotend che ho utilizzato fino a quando non ho cambiato hotend per la rottura del precedente.
Raffreddato con ventolina Cooler Master da 50mm. Ndr: fanno male ste ventole… mi ha fatto sanguinare il mignolo…

In questo modo anche impostando la temperatura del nozzle a 220° il gambo dell’hotend era “discretamente” freddo, anche se dopo un paio di minuti la temperatura cominciava a salire lo stesso. Indice che il raffreddamento alla lunga non sarebbe stato sufficiente.
Ho anche notato che in questo caso il filo non scorreva bene lo stesso, perchè il calore si propagava lo stesso verso l’alto e faceva gonfiare il PLA.

Le prime cose da fare sono quindi modificare il sistema di alette per raffreddamento. Magari aumentandone la profondità ed il numero.
Per il PLA forse è un po’ problematico essere spinto dentro ugelli da 0.1mm e 0.2mm. Forse con l’ABS, che ha proprietà meccaniche diverse, può essere più facile.

Si pensava inoltre di farne una versione multimateriale, quindi non sarebbe più un full metal, inframezzando all’hotend un blocco di teflon o simili. Si vedrà in seguito.

A voi le opinioni

Alla prossima

Odino

Lascia un commento

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.
Ok